Traslo Service Family: Stefano

Il 9 ottobre 2017 si è festeggiato il primo anno alla Traslo del move coordinator per la Spagna, Stefano Usai.

“Sembra entrato solo ieri in punta di piedi nella nostra azienda e invece è già passato un anno” dice il CEO Samuele Mura. “E’ stato un anno in cui è cresciuto tantissimo, lavorativamente parlando, e noi siamo cresciuti con lui. Il suo apporto alla Traslo è stato fondamentale.”

Di quest’ anno appena passato e di tante altri argomenti ci ha parlato Stefano in questa breve intervista.

  • Ciao Stefano, come stai?

  • Benissimo, grazie!
  • E’ passato un anno ormai dal tuo ingresso nel team di Traslo Service. Dal tuo primo giorno a oggi, ci sono stati molti cambiamenti? E se si, cosa?

  • In un certo senso i cambiamenti sono stati tanti perché quando sono entrato eravamo in 6 e poi sono arrivate altre 3 persone. C’è sempre stato, comunque, un ambiente molto positivo, familiare, buone vibrazioni che non fanno altro che farti sentire a tuo agio per poter lavorare nelle migliori condizioni possibili. Inoltre, penso che il fatto di poter ascoltare la musica in ufficio sia un incentivo non da poco!
  • Raccontaci un po’ di te. Quando, come e perché hai deciso di trasferirti a Londra?

  • Dopo aver lasciato l’università e aver trascorso 6 mesi nel nord Italia, al mio rientro in Sardegna, mi sentivo vuoto e con un forte bisogno di viaggiare e fare nuove esperienze. Alcuni dei miei amici d’infanzia la pensavano come me e quindi abbiamo deciso di partire per Londra tutti insieme. Era la meta perfetta per intraprendere questo viaggio tutti insieme!
  • Come sei arrivato alla Traslo e di cosa ti occupavi prima?

  • Quando sono arrivato a Londra nel 2010 con amici di Ulassai e, un po’ come tanti nuovi arrivati che non conoscono l’inglese, mi sono inserito nell’ambiente ristorativo, ho cambiato vari lavori all’inizio e poi ho trascorso 4 anni da Pret a Manger fino a che non ho avuto la possibilità di cambiare e uscire dall’ambiente della ristorazione. E’ stato duro a momenti, ma mi ha formato tanto come persona, facendomi imparare inglese e spagnolo che ora sono indispensabili nel mio lavoro, e chiaramente facendomi conoscere tante persone fantastiche durante il percorso. Proprio nel momento di crescita dell’azienda mi trovavo ancora a Londra e sono stato contattato da Samuele, che già conoscevo, e che mi ha dato la possibilità di entrare a far parte di questo fantastico team.
  • A parte Samuele, conoscevi già i tuoi colleghi?

  • Conoscevo, anche se non molto, Francesco perché i nostri genitori erano colleghi di lavoro. Conoscevo Samuele, ma non tantissimo. Eravamo nella stessa scuola superiore e comunque venivamo da due paesi vicinissimi. Ci vedevamo ogni tanto a Londra per vedere qualche partita insieme ma, ho avuto la fortuna di conoscerlo meglio a lavoro e ora lo considero più un amico che un capo, oltre che un grandissimo esempio per tutto.
  • Aspetti positivi e negativi di questo lavoro? 

  • Non vorrei fare il buonista ma, vedo solo aspetti positivi. Forse anche paragonandolo a ciò che ho fatto prima. L’ ambiente è fantastico; è sufficiente dire che nessuno scappa alle 5 pm in punto! Stiamo veramente bene, si lavora tanto quando è il momento ma si ride e si scherza tantissimo ogni giorno. Per me tutto questo è importantissimo e ripeto, la musica è un plus per me e oltretutto, la scelgo io!!!
  • Brexit: dici la tua.

  • Mah, discorso complicato, non sono un esperto. Lo vedo come un passo indietro, come costruire un muro che ti separa da chi ti dà tanto. Forse il mio punto di vista è più da londinese che da britannico, per cui non parlo di quello che succede fuori Londra. Lavorando nell’hospitality a Londra ho notato che il 90% delle persone dei vari caffe, ristoranti, hotel non sono britannici; stiamo dando un grande aiuto a fare dei lavori che gli inglesi solitamente non fanno e non vogliono fare, per non parlare dei beni alimentari che vengono importati da tutta Europa e non solo.  Con la Brexit penso che a livello di scambi commerciali tutto questo si complicherà purtroppo.
  • Cosa suggerisci a chi come te vuole trasferirsi in Uk?

  • Di non portarsi gli occhiali da sole ma tanta voglia di lavorare. Di non aspettarsi di trovare le stesse cose che c’erano a casa ma anzi, tanta meritocrazia, organizzazione lavorativa, cultura multietnica esemplare, meno burocrazia, e tanto altro, un’esperienza che consiglio a tutti.
  • Progetti per il futuro?

  • Non sono uno che pianifica molto il futuro e al momento sono molto felice qui. Voglio continuare qui alla Traslo per un aiuto reciproco in cui io possa crescere insieme all’azienda.
  • Un saluto al capo?!

  • Ciao Sam!!!

Cosa pensate di ciò che ci ha detto Stefano? Se volete fargli altre domande, scrivetele nei commenti!

Share on Social
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Other Posts

Albero di natale
Blog
mm

Christmas in Italy vs Christmas in Uk

Christmas is, for sure, the most celebrate holiday around the word. According to the different religions and beliefs, Christmas in celebrated in different ways but even among believers of the same

Read More »
relocation
mm

Tendenze del trasloco internazionale nel 2017

TENDENZE NEL TRASLOCO: COSA SUCCEDE NEL 2017? Navigando su Internet e cercando dati sul trasloco 2017, abbiamo trovato questo articolo davvero interessante di Gerson Relocation. Come cambia l’industria internazionale del trasloco?

Read More »
relocation
Blog
mm

International Relocation Trends 2017

RELOCATION TRENDS: WHAT IS HAPPENING IN 2017? Surfing on the Internet and looking for relocation trends, we found this really interesting article of Gerson Relocation. How the international relocation industry

Read More »
This site is registered on wpml.org as a development site.