La famiglia TrasloService: Luca.

Finalmente direte! Ebbene si, ce l’abbiamo fatta a intervistare un altro membro della famiglia Traslo. Questa volta a rispondere alle domande è stato Luca, l’ultimo arrivato -in ordine di tempo- […]

Read more

Finalmente direte! Ebbene si, ce l’abbiamo fatta a intervistare un altro membro della famiglia Traslo.

Questa volta a rispondere alle domande è stato Luca, l’ultimo arrivato -in ordine di tempo- e anche il più piccolo della compagnia. Se volete sapere cosa ci ha detto, continuate a leggere!

  • Ciao Luca. L’ultimo arrivato della compagnia, eh. Come ci si sente a essere parte di questa famiglia e come sei stato accolto dai tuoi colleghi?

Mi trovo molto bene, sono stato accolto nel migliore dei modi, l’ambiente in ufficio è qualcosa di indescrivibile a dir poco fantastico

  • Come ti sei trovato coinvolto nel progetto Traslo? Quando sei arrivato a Londra, Samuele ti ha subito offerto un lavoro o hai fatto altro?

Sono partito con l’idea di fare tutt’altro poi Samuele, appena sono arrivato, mi ha offerto questa grossa opportunità. Ci ho riflettuto diversi giorni in quanto avevo il timore che il lavoro non mi piacesse, invece è stato l’esatto opposto, amo questo lavoro.

  • Ti sei diplomato l’anno scorso. Il percorso più semplice poteva essere l’iscrizione all’università ma, hai deciso di trasferirti a Londra. Come mai?

Il mio sogno era quello di studiare medicina ma “purtroppo” non ho superato il test -forse è stata una benedizione-; la seconda era  quella di venire a Londra, un’idea nata la scorsa estate mentre studiavo per il test di medicina. Non mi interessava nessun altra facoltà e quindi ho fatto le valigie e sono partito.

  • Conoscevi già i tuoi attuali colleghi? Come ti trattano?

I miei colleghi gli avevo conosciuti a novembre dello scorso anno quando sono venuto a Londra in vacanza. Mi trattano piuttosto bene non a caso sono soprannominato il “cucciolo” dell’ufficio 🙂

  • Hai capito qualcosa della Brexit? Cosa ne pensi?

Sulla Brexit non ho capito parecchio. Nel mio piccolo posso tuttavia dire che non la reputo una scelta giusta in quanto, in Inghilterra e in particolar modo a Londra, gli stranieri fanno muovere un grosso ingranaggio del complesso sistema inglese.

  • Cosa suggerisci a chi, come te, vuole trasferirsi in uk?

Suggerisco a chi voglia venire qua di avere tanta forza di volontà e coraggio perché qua le opportunità sono tante ma bisogna saperle cogliere. Ammetto di essere stato parecchio fortunato a trovare questo lavoro.

  • Un aggettivo per ognuno dei tuoi colleghi compreso Samuele.

Non sono molto bravo ad attribuire aggettivi alle persone, posso dirti però che sono tutti delle persone splendide.

  • Troppo buono!!! 🙂
  • Progetti per il futuro?

Per il momento l’unico progetto per il futuro è di migliorare me stesso, soprattutto imparando l’inglese, in modo da poter aiutare ancora di più i miei attuali colleghi.

Se avete ancora domande da fare a Luca e volete sapere di più di questo giovanotto intraprendente, non esitate a scriverci!

Leave a comment