New National Living Wage in the UK – Entra in vigore il nuovo NLW con un minimo salariale più alto.

One of George Osborne’s big ideas – the National Living Wage (NLW) – came into effect on 1 April 2016. It is likely to be popular with 1.3m workers over […]

Read more

One of George Osborne’s big ideas – the National Living Wage (NLW) – came into effect on 1 April 2016.

It is likely to be popular with 1.3m workers over 25 who will benefit immediately.

Not to be confused with either the National Minimum Wage – or the Living Wage – the NLW should boost the incomes of many of the UK’s most poorly-paid employees.

So how will the National Living Wage work?

It will be paid to workers aged 25 and above. Initially, it will be set at £7.20 an hour, with a target of it reaching more than £9 an hour by 2020. Part-time and full-time workers will get it.

It will give a pay rise to 1.3m workers this year, according to the OBR. But it is expected to cost 60,000 jobs and reduce hours worked by four million a week.

Some employers – particularly those in London- have promised to pay even more than the NLW.

The minimum wage will remain in place, and the compulsory living wage will be a top-up for workers aged 25 and over.

The fact that it is compulsory has led some to say that this is simply a rebranded minimum wage.

The National Minimum Wage rates are upgraded in October each year. These are the current rates:

National Minimum Wage rates 2015/16
Age Minimum rate
Over 25 (NLW) £7.20 an hour
21-25 £6.70
18-20 £5.30
16-17 £3.87
Apprentices
Source: DWP

It is calculated by academics that the level of pay that would give workers sufficient for a basic standard of living is £8.25 an hour, and £9.40 an hour in London.

Some companies agree to pay at least this amount. They include some FTSE 100 companies such as SSE, Aviva, Barclays, Pearson, and Legal & General. Some big local authorities also pay the living wage.

With immediate start from the 1st of  April 2016 the new minimum wage is £7.20 an hour.

The government will ask the Low Pay Commission, which currently recommends the level of the minimum wage, to suggest a figure for the National Living Wage in April 2017.

Mr Osborne said that there was an ambition that the National Living Wage should continue to increase to reach 60% of median earnings by 2020, subject to sustained economic growth.

It is that calculation that leads to the aim for the National Living Wage to be more than £9 by 2020.

The Living Wage Foundation said it was delighted with the chancellor’s announcement, but raised some concerns as well.

For example, it highlighted that their suggestion for the lowest level of pay in London was higher now (at £9.40 an hour) than the National Living Wage will be in 2020.

It also urged companies to pay the under 25s a living wage.

From 1 April, penalties for non-payment of the NLW will be doubled, from 100% of the money owed, to 200%. Employers found guilty can be disqualified as a company director for up to 15 years.

The maximum penalty will remain at £20,000 per worker.

A new enforcement team has also been set up at HM Revenue and Customs (HMRC) to pursue criminal prosecutions.

————

Se lavorate a Londra e avete almeno 25 anni, ci sono buone notizie per voi: dal 1° aprile 2016 il salario minimo orario verrà aumentato di 50 pence. Dal mese prossimo, infatti, entrerà in vigore il National Living Wage che andrà ad accompagnare il National Minimum Wage.

Chiunque di voi lavori nel Regno Unito saprà che in questo Paese esiste un salario orario minimo garantito alla maggior parte dei lavoratori, chiamato National Minimum Wage. Ad esclusione di lavoratori autonomi, volontari, direttori d’azienda, collaboratori familiari e persone che vivono nella casa del datore di lavoro, tutti i lavoratori hanno diritto al NMW. Il salario minimo, che varia a seconda dell’età ed è minore per gli apprendisti, viene fissato su consiglio della Low Pay Commission. Ogni ottobre questo NMW viene modificato (in genere aumentato); l’ultima correzione risale quindi a ottobre 2015. Attualmente il National Minimum Wage è pari a £6.70 per i ventunenni e over 21, £5.30 per i ragazzi tra i 18 e i 20 anni, £3.87 per i minorenni e £3.30 per gli apprendisti.

Anche il National Living Wage indica un salario orario minimo garantito, ma sarà applicabile solo ai 25 enni e over 25 (anche apprendisti). Dal 1° aprile 2016, quindi, tutti i lavoratori over 24 che al momento percepiscono £6.70 l’ora vedranno salire il loro stipendio orario a £7.20. Per gli under 25, invece, si continuerà ad applicare il NMW fissato lo scorso ottobre. Questa nuova misura, annunciata dal Cancelliere George Osborne a luglio 2015, costituisce il maggior aumento di salario minimo dal 2009. Il Governo conservatore, in linea con la sua volontà politica di creare una “società con salari più alti, minor welfare e tasse più basse”, si è impegnata ad aumentare annualmente il National Living Wage, prevedendo di arrivare a fissarlo a £9 nel 2020.

Sia il National Minimum Wage che il National Living Wage si differenziano dal Living Wage, con cui si indica il salario minimo orario calcolato in base all’effettivo costo della vita e non secondo il salario medio. Il Living Wage viene così fissato annualmente dall’organizzazione non-profit Living Wage Foundation: quest’anno ammonta a £8.25 all’ora in tutto il Regno Unito, con l’esclusione di Londra, dove il salario orario minimo dovrebbe essere £9.40. A differenza del NMW e del NLW, il Living Wage non è obbligatorio per i datori di lavoro.

Cosa comporta il National Living Wage per i datori di lavoro?

Secondo quanto riporta il Governo sul suo sito, oltre un milione di lavoratori beneficeranno del National Living Wage. Dalla parte opposta, però, a risentirne saranno ovviamente i datori di lavoro: in base a una statistica riportata dal The Guardian, il 30% risponderà all’aumento dei costi cercando di aumentare la produttività, il 22% accetterà minori profitti, il 16% ridurrà straordinari e bonus, il 15% aumenterà i prezzi e poco più del 15% ridurrà il numero dei dipendenti. In totale, secondo l’Office for Budget Responsability, ci potrebbero essere circa 60mila perdite di posti di lavoro.

Inoltre, se i datori non adeguano i salari dei propri dipendenti dal 1° Aprile, rischiano multe salatissime: dovranno pagare fino al 200% della somma dovuta al lavoratore per arretrati non pagati entro 14 giorni e saranno soggetti a una sanzione che potrà ammontare fino a £20mila per lavoratore. Inoltre, il mancato pagamento potrà attivare un procedimento di fronte al Tribunale del lavoro.

(articolo tratto da BBC – Business 1 Aprile 2016 – http://www.bbc.co.uk/news/business-33463231  and  Londra da Vivere articolo pubblicato il 14 Marzo 2016 da Alice Giusti: http://www.londradavivere.com/lavoro/entra-in-vigore-il-national-living-wage-da-aprile-aumenta-il-salario-minimo-per-i-lavoratori-over-24/ )

Leave a comment

Samuele Mura

More of my posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *